facebooktwitterlinkedinmailfacebooktwitterlinkedinmail

Lagioia_a_liberi_sulla_cartaNicola Lagioia ha aperto la settima edizione di Liberi sulla Carta parlando con Stefano Petrocchi, Direttore della Fondazione Bellonci, del suo libro ‘La ferocia’ e analizzando i tratti di un’Italia caratterizzata da una crisi culturale oltre che economica. La fiera proseguirà il 18, 19, 20 settembre nel borgo di farfa.

Formare lettori e non sfornare consumatori” per tornare a far crescere il numero di lettori in Italia, sensibilmente in calo negli ultimi anni, “perché per un lettore un libro sarà sempre un bene primario”.

E’ questa la chiave per uscire dalla ‘crisi della lettura’ che sta caratterizzando il nostro Paese secondo Nicola Lagioia, vincitore del premio Strega 2015, che ha partecipato alla serata di apertura della settima edizione di Liberi sulla Carta, la fiera dell’editoria indipendente organizzata dall’associazione Amici di Liberi sulla Carta in collaborazione con Laboratorio 3.0.

Lo spazio messo a disposizione della discussione letteraria è sempre più ristretto. Il web può quindi assumere un’importanza rilevante creando degli ampi spazi di discussione e approfondimento. Ma da solo non basta.

Creare uno spazio comune e libero per il dibattito letterario, e non solo, è uno dei principali obiettivi di Liberi sulla Carta (LSC), che dal 2009 offre ai suoi visitatori la possibilità di partecipare gratuitamente a eventi culturali e musicali, spettacoli, presentazioni di libri, letture di poesie e molto altro.

L’appuntamento con LSC – patrocinato dai Comuni di Rieti, di Fara in Sabina e dalla fondazione Varrone – prosegue il 18 settembre alle 21,45 con ‘La notte bianca della poesia‘ organizzata dal circolo letterario BEL-AMI.

Sabato 19 settembre lo spettacolo prosegue con Edoardo Leo,Ti racconto una storia‘, in programma alle 21,45.

Infine, per celebrare la ricorrenza del trentesimo anniversario dalla morte di Italo Calvino, Neri Marcorè metterà in scena per il pubblico di LSC lo spettacolo ‘Se una sera d’estate un narratore‘.