facebooktwitterlinkedinmailfacebooktwitterlinkedinmail

1972666_nanni_morettiAnche Liberi sulla Carta 2016 ha calato il sipario. È stata un’edizio
ne che, malgrado abbia dovuto affrontare condizioni metereo-logiche sfavorevoli, ha fatto registrare numeri importanti, confermando quello con Liberi sulla Carta un appuntamento imperdibile fra gli eventi culturali sabini, e una delle realtà più in crescita fra i festival letterari nazionali.

L’organizzazione è riuscita a confermare tutti gli appuntamenti previsti in programma, ad esclusione di quello di chiusura, con Giorgio Tirabassi che recupererà in altra data lo spettacolo dedicato a Cesare Pascarella. Nemmeno la pioggia ha invece scoraggiato centinaia di persone giunte a Farfa per incontrare Luis Sepulveda, grande ospite internazionale di questa edizione: solo posti in piedi nella sala gremita all’inverosimile, e tanta gente ad aspettare sotto la pioggia di poter entrare.

Altro appuntamento di grande prestigio ha visto protagonista Nanni Moretti, che ha letto Caro Michele di Natalia Ginzburg: una serata magica, che ha incantato un parco Cremonesi degno delle grandi occasioni.

Decine i libri presentati, almeno un migliaio quelli venduti, mai così tanti gli editori presenti (praticamente ormai impossibile aggiungere anche un solo stand), tanto che molti di loro si sono dovuti accontentare di condividere uno spazio con un’altra casa editrice. Buon riscontro anche per il workshop di scrittura creativa a cura della Scuola Omero, la prima scuola di scrittura italiana, e per la mostra “Calvino qui e altrove”, concessa dalla Fondazione Mondadori.

Liberi sulla Carta ringrazia il pubblico, i volontari e le volontarie, i Comuni di Rieti e Fara in Sabina, la Fondazione Varrone, tutti gli sponsor e le Associazioni amiche, per aver contribuito a fare di Liberi sulla Carta 2016 un’edizione indimenticabile.

La volontà degli organizzatori è quella di dare appuntamento al 14 settembre del 2017, data che, salvo insormontabili problemi organizzativi, dovrebbe ospitare la nona edizione del festival Liberi sulla Carta – Fiera dell’editoria indipendente.